Ti lascio il mio biglietto

Copertina: Ti lascio il mio biglietto

5 caratteristiche per un biglietto da visita coi fiocchi

Musica consigliata per la lettura:  😈👋💬  The Rolling Stones “Sympathy for the devil”

L’usanza di associare un atteggiamento all’“essere il biglietto da visita” di una persona rende subito l’idea di quale debba essere lo scopo di un biglietto: presentare (e rappresentare).

Lo scambio del MEISHI: biglietto da visita giapponese. Credits: Japan America Society of Southern California (https://jas-socal.org)
Lo scambio del MEISHI: biglietto da visita giapponese. Credits: Japan America Society of Southern California (https://jas-socal.org)

I giapponesi hanno persino un rituale dello scambio: si inchinano e porgono a due mani il proprio meishi all’interlocutore che ripete il gesto. Per loro il biglietto va oltre la professione, è una vera e propria identificazione della persona.

Non esiste una regola precisa di come vada fatto così come non ci sono elementi da inserire obbligatoriamente (a differenza di sito web e altri strumenti di promozione, che hanno obblighi ben precisi); forse anche per questo motivo, è gioia e dolore di molti professionisti, sempre nel dubbio su quali informazioni inserirvi e quali tralasciare.

Io consiglio di partire da una considerazione in apparenza semplice:

Qual è lo scopo del biglietto da visita? A chi è destinato?
Clienti, potenziali clienti, fornitori, …?

I dati devono variare in base alle risposte a queste domande perché l’utilizzo è l’aspetto fondamentale nella scelta dell’impostazione del contenuto.

A voler esagerare, un’azienda potrebbe voler inserire:

Logo / Ragione sociale / Indirizzo (uno o più in caso esistano diverse sedi) / Telefono e/o fax / Email / Sito web / Partita IVA e/o codice fiscale / Social network / QR code / Mappa

Il grafico (“graphic designer” per chi ha bisogno dell’inglese a tutti i costi) non deve andare nel panico di fronte alla richiesta né proporre un biglietto da visita in formato A4 piuttosto considerare che:

  • non serve tutto a tutti,
  • nulla vieta ad un’azienda o professionista o chiunquevogliaunbigliettodavisita di avere più biglietti diversi,
  • i biglietti stampati fronte e retro permettono l’inserimento di più informazioni.
Esempi di biglietti da visita
Esempi di biglietti da visita (ovviamente miei)

Insomma quali sono queste 5 caratteristiche che deve avere per essere super bello bellissimo e perfetto per me?

Pardon se mi sono dilungata… Eccole:

  1.  CHIARO: il nome della persona o dell’azienda e la professione devono balzare all’occhio al primo sguardo, non devo fare la caccia al tesoro per trovarli fra scritte e disegnini;
  2. COERENTE: deve essere in linea con destinatario e business sia nella grafica che nella scelta dei dati da includere (soprattutto nella decisione della email, leggasi: asteniamoci da cicciapasticcia@gmail.com, maschio78@hotmail.com e via dicendo);
  3. LEGGIBILE: bisogna evitare scritte troppo piccole e font troppo articolati; bilanciare scritte e spazi vuoti; fare in modo che le immagini siano di supporto alla comunicazione e non nascondano o disturbino la lettura;
  4. PROFESSIONALE: sia che si tratti del biglietto per un hobby che per un’attività, puoi permetterti di pensare al fai-da-te solo con buone stampanti e taglierine; grafica e stampa devono essere curate senza eccezioni (cedendo ai modelli pronti, seppur comodo, si rischia di avere la stessa grafica di altri mille professionisti della stessa categoria -e ne conosco-);
  5. PRATICO: la dimensione standard rettangolare è di 8,5 x 5,5 cm ma puoi farlo stampare di tante forme e dimensioni; rifletti però sul fatto che vadano conservati e più sono “strani” più è difficile riuscire a non rovinarli. Anche lo spessore (tecnicamente, in riferimento alla carta, si chiama grammatura) è importante: solitamente si usa intorno ai 300 gr. perché se troppo sottile si rompe facilmente). Il materiale: dalla carta al metallo ormai è possibile stampare su tutto; vale però il discorso della dimensione: saresti contento di avere nel portafoglio un biglietto che ti punge o sporca gli altri nello sfregamento o su cui non puoi annotare qualcosa per ricordarti di chi te l’ha dato?

Ed il tuo biglietto è pronto allo scambio? Lo porgi con orgoglio o te ne vergogni un po’?

Mood:  😅 cerimoniosa

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

13 − 6 =